"Testa moresca", un elegante vaso®️

"Testa moresca", un elegante vaso®️

Comment: 0 Hit: 310

Quando i Mori invasero la Sicilia dal Nord Africa nell'XI secolo, costruirono laboratori di ceramica in tutta l'isola e insegnarono ai Siciliani a realizzare “maioliche” dai colori vivaci: una forma d'arte che si diffuse gradualmente in tutta la Sicilia.

Uno degli oggetti classici, ancora prodotti oggi, era la "testa moresca", un elegante vaso per piante che veniva tradizionalmente posto in cima ai pali della porta. E in quel momento, da quando hanno conquistato la Sicilia e l'hanno governata, il capo di tutto in Sicilia era moresco!

I vasi di testa di moro originali erano a grandezza naturale, ma oggigiorno sono realizzati in ogni dimensione, dal più grande dal vero, al portauovo. Alcuni sono realizzati da artigiani, mentre altri sono realizzati da veri artisti. C'è una dimensione e un prezzo per ogni tasca ... e la franchigia per il vostro bagaglio potete chiederla in ogni compagnia aerea!

La città più famosa per la realizzazione di queste teste è Caltagirone, in provincia di Catania. La leggenda della loro origine viene però da Palermo, nel quartiere di Al Halisa (oggi La Kalsa), dove una giovane donna amava coltivare fiori sul suo balcone. Un giorno un Moro passò di sotto e si infatuò di lei, dichiarando il suo amore eterno in modo così bello che lei, a sua volta, si innamorò di lui. La storia ha preso una svolta sinistra quando ha scoperto che era sposato con figli! Inorridita dall'inganno e dall'insulto alla sua virtù, gli tagliò la testa. Ora, cosa farne? Ha deciso che sarebbe stato un perfetto vaso per piante.

pubblicato da: Stefano Calì In: Le teste di Moro

Commenti post ceramica Caltagirone

Lascia il tuo commento