Ceramisti Caltagirone ®️

Ceramisti Caltagirone ®️

Comment: 0 Hit: 173

Le Teste di Moro non sono suppellettili, ma rappresentano un vero e proprio aspetto culturale della Storia Siciliana, prevalente soprattutto nei racconti popolari, in cui si registrano numerose leggende.

Storia di un turista a Caltagirone

Ho trascorso due weekend a Caltagirone, colpito da un vaso in ceramica rappresentante una testa di moro. Passeggiando sul lato della Via Roma ho appena scoperto una facciata adornata con questo stesso tipo di vaso, tipico dell'artigianato siciliano. Questi vasi mi sono sempre piaciuti ma le due leggende che ne sembrano le origini sono francamente tragiche.

I ceramisti di Caltagirone sono abili artisti che con estrema passione e vigore modellano l'argilla tipica della loro città. Pensate che la professione di ceramisti è talmente antica che ha trasformato anche la morfologia della città di Caltagirone, perché? Ve lo racconto appresso.

Ceramisti Caltagirone: Stefano Calì

Avvicinandomi al suo laboratorio, che è incastonato nella città vecchia, sono stato folgorato dalla porticina e catapultato nella storia, quella delle teste di moro. Tutto pareva che un laboratori di ceramica, quella di Caltagirone, il ceramista Stefano mi trascina nelle piccole camere dove racconta brevemente la sua passione e come nasce l'arte di ceramisti Caltagirone in una città fatta di ceramisti. Pensate che l'uso costante dell'argilla ha determinato la scomparsa di pezzi di foresta che lambiva la città, perché serviva l'argilla per le loro opere.

Ogni ceramista di solito ha frequentato la scuola ceramica della città e ognuno di loro ha un maestro, il quale trasferisce il suo sapere, e il ceramista ha una grande fede nel suo maestro. Argilla e creatività si fondono in un lavoro artistico di grande coinvolgimento che può durare delle ore... e mentre realizzava mi raccontava la leggenda delle famose teste di moro di cui io ne sono stregato. Mi narra che attorno alle Teste di Moro ruotano diverse storie, tra le quali spicca una delle più ricorrenti, che testimonierebbe le loro origini nella città di Palermo. Durante la dominazione araba, nella città di Palermo esisteva ancora oggi un quartiere chiamato Kalsa, nel quale viveva una bella ragazza che amava coltivare fiori sul suo balcone, su questa leggenda puoi leggere qui.

Trovo che la ceramica di Caltagirone sia molto espressiva, e farsi raccontare da uno dei ceramisti Caltagirone come avviene la produzione, che tipo di colori, figure e temperature usano è straordinariamente affascinante.

Il laboratorio incastonato in questa piccola palazzina d'epoca barocca è piuttosto freddo, ma salendo al piano superiore già il forno ne riscalda un pezzo, nel piano di mezzo invece i vari modelli tutti adagiati in mensoloni, ancora grezzi o come chiamo loro: biscotto.

L'acquisto è rapido e indolore, ne prendo due la coppia e mi spiega bene come proteggerli, come pulirmi o come eventualmente esporli in balcone, qualora se ne volesse fare una uso da vaso per piante.

Commenti post ceramica Caltagirone

Lascia il tuo commento